Nuovo appuntamento con la Guida Fantastica per Fantallenatori. La settimana scorsa abbiamo presentato il calendario di Serie A, analizzandone big match e momenti cruciali, ma esclusivamente in modo qualitativo. Oggi vogliamo fare un passo ulteriore verso la prossima stagione fantacalcistica, provando a delineare le migliori strategie legate proprio al calendario.

Quali sono le migliori squadre su cui puntare? Come abbinare i calciatori delle diverse squadre? Come alternarli durante la stagione? Normalmente si abbinano squadre che giocano alternativamente in casa e in trasferta partendo dal presupposto che una partita in casa sia sempre più facile di una in trasferta, ma in realtà questa strategia quasi mai dà i frutti sperati. Noi abbiamo provato ad andare oltre, assegnando un valore di difficoltà di ogni partita e analizzando poi i migliori incroci possibili tra le diverse squadre.

In questo articolo spiegheremo - passo dopo passo - la nostra analisi, e alla fine daremo una serie di accoppiate, che potranno fare le fortune dei fantallenatori durante la prossima stagione.

 

Fase 1: cosa influisce sulla difficoltà di una partita?

Il fattore campo ha una sua influenza su alcune partite, ma sicuramente è meno importante dell'avversaria che si affronta: per il Genoa sarà senza dubbio più difficile affrontare la Juventus in casa, piuttosto che il Lecce fuori casa. Ma non solo! Anche il "livello" della squadra stessa ha una sua importanza: una trasferta in casa della Sampdoria può essere considerata ostica per la SPAL, non altrettanto per l'Inter.

Abbiamo quindi diviso le squadre in 5 gruppi basati sulle gerarchie della scorsa stagione e sulla preparazione per quella nuova:

  • Livello 1: Inter, Juventus, Napoli;
  • Livello 2: Atalanta, Lazio, Milan, Roma;
  • Livello 3: Fiorentina, Sampdoria, Torino;
  • Livello 4: Bologna, Cagliari, Genoa, Parma, Sassuolo;
  • Livello 5: Brescia, Lecce, SPAL, Udinese, Verona.

Per calcolare la difficoltà di una partita abbiamo quindi usato la seguente formula:

5 + S - A + C

dove S indica il livello della squadra interessata, A rappresenta il livello dell'avversaria e C il fattore campo (0 se la squadra gioca in casa, 1 se gioca in trasferta). In questo modo il livello di difficoltà sarà sempre un numero compreso tra 1 e 10, una difficoltà compresa tra 1 e 5 indicherà che la squadra parte con i favori del pronostico, mentre una partita potrà essere considerata "facile" se il livello di difficoltà è compreso tra 1 e 3 (partita in casa con una squadra inferiore di almeno due livelli o fuori casa con una squadra inferiore di almeno tre livelli).

Per esempio, se consideriamo la partita Genoa - Juventus, per il Genoa il match avrà difficoltà 8 (5 + 4 - 1 + 0), mentre per la Juventus avrà difficoltà 3 (5 + 1 - 4 + 1).

 

Fase 2: cosa ci aspettiamo da questa analisi?

La prima osservazione che abbiamo fatto è che una squadra di Livello 1 avrà mediamente partite più facili rispetto a quelle dei livelli inferiori, e questo rispecchia quanto precedentemente detto, ovvero che la difficoltà della partita dipende dal livello della squadra interessata. In particolare per le squadre di Livello 1 la difficoltà media calcolata è di 3,13, cifra che sale di circa 1 punto ogni volta che scendiamo di un livello: per le squadre di Livello 2 la difficoltà media è di 4,18, per quelle di Livello 3 è di 5,24, per il Livello 4 è di 6,29, per il Livello 5 è di 7,34.

A questo punto abbiamo incrociato i calendari delle diverse squadre, ipotizzando di "scegliere" sempre la squadra che ha una match di livello più basso. Questo rispecchia la situazione in cui si potrebbe trovare un fantallenatore con in rosa due calciatori dello stesso livello, ma di squadre diverse, che cerca di puntare sul calciatore con la partita più facile.

Sicuramente i migliori risultati si ottengono incrociando squadre di alto livello: per esempio alternando nel modo migliore possibile i calendari di Napoli ed Inter si ottiene una difficoltà media di 2,26 punti, quindi un calendario che farebbe gola a moltissimi fantallenatori, e non solo.

Ovviamente, sempre dal punto di vista fantacalcistico, sarà molto difficile acquistare calciatori delle squadre blasonate e permettersi il lusso di alternarli in base al calendario: quindi oltre ai migliori accoppiamenti tra i top team (che comunque analizzeremo in ottica di leghe fantacalcistiche da 4 o 6 giocatori), cercheremo di trovare anche delle buone accoppiate "low cost" che, anche non garantendo molte partite facili, potranno comunque permettere di evitare match particolarmente complicati.

 

Fase 3: diamo i numeri!

Il passaggio successivo, sicuramente il più difficile, è quello di sintetizzare i risultati ottenuti, in modo che sia facile interpretarli e capire quali sono i migliori incroci di calendario. Le difficoltà medie ottenute non vanno valutate in senso assoluto, ma sempre comparate ai livelli delle squadre considerate: incrociando una squadra di Livello 1 con una di Livello 5 si otterrà un valore minore di quello ottenuto con una squadra di Livello 2 ed una di Livello 3, ma ciò è dovuto esclusivamente al calendario più "facile" della squadra forte, non ad un incrocio positivo tra i due. 

Per questo motivo, nella seguente tabella abbiamo evidenziato le diverse regioni di interesse, all'interno delle quali cercare le migliori accoppiate possibili: a parità di livelli, un valore più basso rappresenta una migliore compatibilità tra le due squadre.

Gli incroci migliori sono ovviamente quelli evidenziati in bianco: i valori della diagonale sono quelli che corrispondono al calendario della squadra, senza che esso venga incrociato con altri team, più gli altri valori si discostano da quelli della diagonale, più "conviene" alternare calciatori delle due squadre.

Altre due tabelle molto interessanti, che confermano la bontà degli abbinamenti evidenziati, riguardano il conteggio delle partite favorevoli che si avrebbero con le diverse accoppiate. La prima tabella conta il numero di partite facili (ovvero con difficoltà da 1 a 3), mentre la seconda conta il numero di partite da favorita (difficoltà da 1 a 5).

Le squadre di livello 4 e 5 non avranno mai partite facili e raramente partiranno con i favori del pronostico, quindi paradossalmente ha più senso abbinarle ad un'altra squadra di livello medio-basso, piuttosto che con uno dei top team. 

Gli abbinamenti tra due squadre di livello 1 o 2, al contrario, garantiscono calendari molto positivi, ma anche in questi casi non si riescono sempre ad evitare "incroci pericolosi".

 

Fase 4: le conclusioni

Chiudiamo il nostro articolo con un elenco delle migliori accoppiate, squadra per squadra, sperando che possano esservi utile durante le imminenti aste:

  • Atalanta (Fiorentina, Sampdoria, Parma);
  • Bologna (Fiorentina, Sampdoria, Genoa, Brescia);
  • Brescia (Roma, Fiorentina, Bologna, Lecce, Udinese, Verona);
  • Cagliari (Fiorentina, Sampdoria, Sassuolo, Lecce, SPAL, Verona);
  • Fiorentina (Juventus, Napoli, Atalanta, Lazio, Torino, Bologna, Cagliari, Brescia);
  • Genoa (Inter, Lazio, Roma, Torino, Bologna);
  • Inter (Juvenuts, Napoli, Genoa, Sassuolo);
  • Juventus (Inter, Milan, Fiorentina, Sampdoria, Parma, Sassuolo);
  • Lazio (Milan, Fiorentina, Sampdoria, Genoa, SPAL, Verona);
  • Lecce (Torino, Cagliari, Brescia);
  • Milan (Juvenuts, Napoli, Lazio, Roma, Udinese);
  • Napoli (Inter, Milan, Fiorentina, Sampdoria, Parma);
  • Parma (Juventus, Napoli, Atalanta, Torino);
  • Roma  (Milan, Sampdoria, Genoa, Sassuolo, Brescia);
  • Sampdoria (Juventus, Napoli, Atalanta, Lazio, Roma, Torino, Bologna, Cagliari);
  • Sassuolo (Inter, Juventus, Roma, Torino, Cagliari);
  • SPAL (Lazio, Cagliari);
  • Torino (Fiorentina, Sampdoria, Genoa, Parma, Sassuolo, Lecce, Udinese, Verona);
  • Udinese (Milan, Torino, Brescia);
  • Verona (Lazio, Torino, Cagliari, Brescia).

 

Torna alla pagina principale della Guida